Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background
Slide background

Storie di Arte, Cultura, Natura.

L’origine di Clusone è antichissima. Molti la fanno risalire ad insediamenti di Orobi databili intorno al 1300 a.C., data del reperto archeologico più antico rinvenuto nella zona.All’epoca romana, grazie all’industria del ferro molto sviluppata nell´alta Valle Seriana e in Val di Scalve, Clusone divenne centro di occupazione e vi fu edificata la “casa d´armamento” per il deposito delle armi. Fu poi residenza del “prefetto dei fabbri” il quale ebbe le funzioni di custode delle armi e di governatore della valle. Ne sono prova numerosi reperti: monete, armi e lapidi con epigrafi latine, rinvenute nella zona.

Dai tempi più remoti fino al Medioevo, Clusone fu governata con proprio statuti, fruendo di ampia libertà e di notevoli autonomie.

Sotto il dominio della Repubblica veneta, alla quale Clusone si sottopose con tutta la Valle Seriana il 2 Ottobre 1427, il centro conobbe il suo periodo di maggiore splendore artistico, culturale e commerciale, conseguendo risultati di grande prosperità economica.Con la caduta della Serenissima ad opera delle truppe francesi, Clusone fu testimone di tutte le vicende storico-politiche della Lombardia. Mantenne comunque intatto il proprio ruolo di capitale dell´intera valle Seriana superiore e il patrimonio di tradizioni culturali e sociali che il 12 Novembre 1801 le valsero la proclamazione di “Città”, titolo confermato dalle Repubblica Italiana il 15 Maggio 1957 nel riconoscimento del glorioso passato..
La millenaria e ricchissima storia di Clusone è testimoniata dalle sue artistiche chiese, dagli eleganti palazzi, dalla ricchezza delle decorazioni in affresco, dalle armoniose piazze, da vicoli e cortili porticati. Della cinta murata che cingeva l´antico nucleo, dalla chiesa del Paradiso alla chiesetta di S. Defendente, non rimangono che labili tracce.

La Posizione

Clusone è situata su un pendio soleggiato ai margini di un piccolo altopiano a circa 650 metri s.l.m.

E’ circondata da colline e montagne dove la natura conserva ancora molte delle sue bellezze: una pineta per passeggiare, sentieri e itinerari nei boschi e sui monti, adatti ad ogni età ed esigenza; colline che spuntano dall’altopiano per farvi godere scorci panoramici cari agli artisti e escursioni più impegnative sulle Prealpi e sulle Alpi Orobiche, lungo sentieri attrezzati e rifugi organizzati.

Due arterie pressoché parallele percorrono il centro storico da ovest ad est dividendolo in quattro grandi gradini: il primo quello dell’antica contrada di Longarete;, il secondo dove era situata l’antica contrada di IMVICO (Imus vicus) che oggi è l’asse commerciale da piazza Uccelli a via Cifrondi contornata da negozi e boutique di ogni genere; il terzo dove sorge il palazzo del podestà veneto ed il quarto dove è situata la Basilica e l’Oratorio dei Disciplini.

La particolare collocazione del centro, che gli garantisce una costante esposizione al sole e la protezione dalle correnti più fredde, unita alla relativa vicinanza con i maggiori centri lombardi e ad un patrimonio artistico di primaria importanza, fanno oggi di Clusone una meta del Turismo, garantita da avanzate infrastrutture del terziario.
Un particolare privilegio gli è dato inoltre dalla vicinanza dei più importanti centri sciistici: località “La Spessa” – Clusone, la Presolana, il Monte Pora, Colere, Schilpario, Spiazzi di Gromo e MonteCampione.

Estate







































Inverno